Profilattici in vendita online: migliori preservativi e condom su internet, guida e confronti

I condom, detti anche preservativi o profilattici sono oggetti importantissimi per diversi fattori che riguardano la salute delle persone. Come sappiamo questi servono alla protezione dalle malattie che si possono trasmettere per via sessuale. I genitali di ognuno sono differenti e rappresentano caratteri distintivi. Esattamente come le impronte digitali, non esistono genitali uguali. Quindi proprio per questa ragione, come quando scegliamo la taglia dei nostri vestiti, dovremmo scegliere anche la taglia dei condom perché vanno a taglia anche questi.

Scegliere la taglia: importante perché..

Anziché acquistare un pacchetto di preservativi qualsiasi, sarebbe opportuno capire meglio il discorso che ruota attorno alla taglia e all’importanza che riveste questo passaggio. Prima di tutto ricordiamo che il profilattico non è un gioco ma una prevenzione ed una sicurezza per se stessi e per il partner. Questo protegge infatti, non solo da gravidanze indesiderate ma anche da malattie che si trasmettono per via sessuale. Si raccomanda ancor di più quando siamo soliti avere partner occasionali oppure quando siamo all’inizio di una relazione e quindi non conosciamo bene ancora il nostro partner, le sue abitudini e il suo stato di salute.

Le misure sono fondamentali in questo discorso poiché laddove si sbaglino queste, si rischia:

  • di non coprire bene tutta la superficie del genitale maschile e quindi di limitare la protezione
  • di vedere il preservativo sfilarsi dopo poco e quindi annullare l’effetto protezione constatando semplicemente che le due zone intime sono venute a contatto fra loro

Sbagliare la taglia in eccesso o in difetto è sempre sbagliato. Non serve infatti prenderne uno sempre più grande poiché anche in questo caso si rischia che lo stesso si arrotoli verso la punta sfilandosi alla fine. Se troppo stretto, è facile che il lattice prima o poi ceda e che si rompa.  Un preservativo stretto è fra l’altro molto difficile da indossare e anche doloroso, quindi evitate di accontentarvi magari prendendo il profilattico di un amico , ma acquistatene uno per voi. Il preservativo rotto è inutile e comunque troppo largo o troppo stretto limiterà anche il piacere sessuale stesso.

Prendiamo le misure

Dunque una volta comprese le motivazioni per cui indossare un preservativo di taglia giusta è importante e avendo capito i motivi che sono alla base del discorso preservativi e della loro efficacia, ora passiamo all’atto pratico: prendere le misure. Le misure più importanti sono quindi la lunghezza e la circonferenza. Per circonferenza si intende quella che prendiamo alla base del pene e per lunghezza quella che si può misurare quando il pene è in erezione. Potete prendere le misure con uno spago oppure con un metro da sarta e confrontare poi le misure con quelle

  • Lunghezza

Nel prendere la lunghezza del pene occorre farlo sicuramente quando il pene è in erezione ma non spingete troppo nel tentare di acquistare centimetri: vi occorrerà la misura al naturale senza forzare troppo ad andare troppo oltre la base con il rischio di acquistare poi un preservativo troppo grande per voi. La lunghezza che verrà mostrata sulla confezione è quella che si intende a preservativo srotolato completamente: se indossate un preservativo che resta in parte arrotolato alla base, c’è il rischio che da qui questo si arrotoli di nuovo verso la punta.

  • Circonferenza

Per quanto riguarda la circonferenza e prendere le misure di questa, l’affare può non essere così intuitivo come per la lunghezza e quindi occorre prestare un po’ più di attenzione. La larghezza è infatti la base moltiplicata per due e poi e poi divisa. In pratica occorre immaginare di tagliare il preservativo in lungo e di appiattirlo su una superficie. La larghezza a cui fare riferimento è la misura dell’apertura della base. Questa deve essere per prendere bene le misure ed acquistare il preservativo giusto, un po’ più piccola rispetto alla larghezza appiattita sul tavolo. In genere è intorno ai 4-5 cm.

La larghezza poi non è sempre uguale per ogni materiale. Considerando infatti il preservativo classico in lattice, la larghezza ideale è circa il 10% della misura rispetto a quella della base del pene. Se il materiale in questione è poliuretano e polietilene, bisogna considerare che si tratta di materiali molto meno elastici e quindi non può essere calcolato lo scarto in percentuale.

Attenzione alla pubblicità sui condom

Oltre alle misure dettagliate, abbiamo anche dei preservativi di taglie standard che rispecchiano in qualche modo la media delle misure. La maggior parte dei profilattici infatti hanno una larghezza standard che si aggira attorno ai 5, 4 cm ed una lunghezza di circa 20 cm. La maggior parte dei consumatori andrà bene con queste misure, ma non è considerata l’eccezione e cioè coloro che hanno un pene più largo e più lungo e quelli che ne hanno uno meno largo e meno lungo. Anche le modalità con cui spesso i condom sono pubblicizzati sono del tutto errate poiché non si fa riferimento alla scelta delle taglie. Questo è un buon motivo per acquistare sul web per poter quindi fare attenzione alla taglia giusta. Ci sono infatti i preservativi XL, i preservativi Medium e Small ma le taglie vere e proprie espresse in cm oppure in mm, sono più rare e quindi una persona potrebbe sottovalutare o sopravvalutare la taglia giusta a sé.  In pratica quindi non è bene fidarsi delle diciture extra large oppure small, ma andare a controllare bene le misure del preservativo.

Lubrificanti

Come abbiamo già detto, esistono non solo materiali come il lattice. Sebbene questo sia il più diffuso, molte persone sono allergiche al lattice e si affidano ad altri materiali. Mentre di questo aspetto particolare parleremo più avanti, ci soffermiamo su un altro elemento che al di la del materiale fa riferimento ad un’altra componente: la lubrificazione. In genere i preservativi hanno sempre una base di lubrificante e si tratta di lubrificanti a base di siliconi. L’odore di questi lubrificanti è per la maggior parte neutro e possono essere di grande aiuto nelle coppie che fanno fatica per problemi personali ad arrivare ad una buona lubrificazione naturale.

Naturalmente non è da pensare come soluzione, questa dei lubrificanti del lattice, per i rapporti anali in quanto in quel caso occorrerà una lubrificazione extra, e magari l’affidarsi ad altri prodotti. Ci sono in commercio, prodotti dagli stessi brand che si occupano di realizzare condom, dei prodotti lubrificanti sia a base d’acqua che a base di siliconi. Si tratta di materiali che non interferiscono in alcun modo sulla funzione principale del condom ma hanno comunque delle differenze fra loro: intanto i lubrificanti a base di acqua sono compatibili con i sex toys di qualunque genere mentre i lubrificanti a base di silicone possono in alcuni casi essere un pericolo per i sex toys realizzati in silicone. Per cui se adoperate giocattoli a letto, e questi sono in silicone è bene prediligere i lubrificanti a base d’acqua e di conseguenza i condom che non utilizzano il silicone. I lubrificanti a base d’acqua inoltre sono molto più lubrificanti in fatto di durata.

N.B.

Evitate sempre altri tipi di lubrificanti come olii di qualunque genere o vaselina poiché il lattice e gli olii non vanno proprio d’accordo.

Esistono diversi condom, veramente per tutti i gusti e le fantasie. Se volete sbizzarrirvi e divertirvi un po’ nella scelta e nell’utilizzo dei condom, sappiate che i produttori ne hanno inventate di diversi tipologie.

  • Lubrificazione stimolante

la lubrificazione stimolante è quella che viene adoperata per alcuni condom con lo scopo preciso di accrescere il piacere del partner. Avendo sulla superficie del lubrificante una sostanza leggermente vaso dilatatoria, il risultato è un maggiore afflusso di sangue nella zona (vaginale oppure anale) con conseguente aumento di sensazione piacevole.

  • Lubrificazione riscaldante

I lubrificatori riscaldanti invece come suggerito dalla parola generano una sensazione di calore molto intensa che sortisce un effetto molto simile al primo tipo di lubrificante descritto. Si tratta di  un gioco e nient’altro, quindi non c’è nulla di pericoloso o di poco salutare in questi preservativi: le quantità di sostanze integrate è minima e controllata sempre.

  • Lubrificazione ritardante

Per chi invece fa fatica a trattenere il piacere durante ilo rapporto sessuale, è bene che non si avvicini proprio al preservativo stimolante o riscaldante e che invece vada per quelli ritardanti che hanno una sostanza lubrificante inibente, ossia che desensibilizza di molto la sensazione piacevole del partner, quasi anestetizzandolo. Naturalmente non c’è niente di totale, nel senso che la sensazione è in diminuzione ma mai totalmente anche perché lo scopo è quello di allungare i tempi e non quello di eliminare la possibilità di raggiungere l’orgasmo.

Il lattice

Sappiamo tutti che la stragrande maggioranza dei preservativi è realizzata in lattice. Questo materiale è estremamente elastico e gommoso ed ha delle proprietà che molti altri materiali non hanno, risultando del tutto imparagonabili. Il lattice è un materiale naturale ma allo stesso tempo si può sintetizzare in laboratorio.

Perché viene utilizzato il lattice? perché questo materiale è estremamente elastico e perché resiste benissimo alla possibilità di foratura e allo strappo accidentale. Il lattice controlla l’impermeabilità totale e riveste  mantenendo tutte le funzioni protettive senza creare uno spessore esagerato. Naturalmente però come ben sappiamo non tutti possono utilizzare il lattice ed essendo alcune persone allergiche, occorre fare riferimento ad altri materiali.

Come riconoscere i sintomi dell’allergia al lattice

L’ipersensibilità ad alcuni materiali come il lattice si manifesta con alcuni sintomi specifici che possono essere locali e quindi meno gravi, oppure respiratori, fino ad arrivare ai casi più gravi e rari che si manifestano con reazioni anafilattiche. I sintomi più diffusi sono però l’arrossamento della zona accompagnato da prurito e formazione di vescicole ed eritemi cutanei. Se l’allergia è più grave e quindi non si parla più di sensibilità al materiale ma di vera e propria allergia, possiamo anche andare incontro a rinite e dispnea o asma. Se si continua ad utilizzare il lattice ignorando i sintomi iniziali si può andare incontro a reazioni gravi che richiedono attenzione medica.

La persona che deve fare attenzione all’utilizzo del materiale giusto, non è solo la persona che indossa il preservativo ma anche chi riceve e quindi il partner, che sia maschio o femmina può avere le medesime reazioni. Mucosa di ano e vagina sono permeabili e allergeniche. Per questo si tratta di zone altamente sensibili che possono manifestare i sintomi con gonfiore e arrossamento accompagnato da forte prurito. Anche in questi casi si può arrivare allo shock anafilattico. Se non volete fare le prove allergiche ma non volete rischiare e sospettate di essere allergici, provate a fare una prova casalinga e tentate di acquistare una confezione in polisoprene oppure in poliuretano.

Materiali che possiamo utilizzare in sostituzione al lattice

Anche se la percentuale di popolazione che presenta questi problemi di sensibilità al lattice è veramente bassa, è giusto ci siano anche delle alternative cui fare riferimento. Soffrire di questa sensibilità al lattice non deve portare a pensare che il preservativo non fa per noi e che quindi molto meglio non utilizzarlo. Si tratta di un metodo contraccettivo estremamente importante anche per la profilassi.

Ci sono quindi due alternative: il poliuretano e il polisoprene.

  • Il poliuretano: il preservativo di questo genere è realizzato in plastica sottile. Dal momento in cui si tratta di plastica naturalmente l’elasticità è altamente ridotta e di conseguenza la taglia da valutare cambia in quanto può non calzare così perfettamente. Si tratta di preservativi per i quali occorre maggiore fatica e attenzione per indossarli ma è importante farlo bene poiché presentano anche un rischio maggiore di sfilarsi dalla base del pene.
  • Il polisoprene: Si tratta qui di una gomma sintetica. Ma a differenza del lattice e del poliuretano sono molto più elastici. Non hanno controindicazioni nelle allergie poiché non contenendo proteine naturali non possono provocare allergie. Possiamo definire tutti i condom comunque in grado di proteggere dalle malattie e dalle gravidanze indesiderate alla stessa maniera.

Il serbatoio

Un tempo esistevano i preservativi senza serbatoio; oggi invece quasi tutti e comunque la maggior parte hanno un serbatoio per la raccolta dell’eiaculazione. Il serbatoio è indispensabile per evitare che lo sperma possa scorrere lungo le pareti del pene e poi fuoriuscire. Inoltre subito dopo l’orgasmo, il pene subisce un rilassamento che accelera questo processo poiché è proprio la stretta del preservativo che si allenta sul pene e se il preservativo è anche senza serbatoio è molto facile che venga meno la funzione di profilassi e di contraccezione.

Preservativi colorati e gustosi

Il sesso, e i rapporti sessuali sono qualcosa che uniscono le persone e portano al divertimento e alla soddisfazione sia personale che di coppia. Molti non vedono di buon occhio il preservativo in quanto un interferente che rompe il legame. Se non vi piace l’idea del preservativo, si può puntare sulla scelta di un condom colorato oppure al gusto di frutta. In commercio ormai ce ne sono di ogni genere e per tutti i gusti: aromatizzati, profumati e colorati anche adatti alle primissime esperienze.

Naturalmente colori e sapori sono da scegliere insieme e comunque sempre in linea con i gusti del partner. Molti di questi sono fatti proprio per stimolare all’approccio con il sesso orale che spesso non viene integrato nel rapporto. In questo caso è bene che anche chi pratica il sesso orale debba poter scegliere il gusto che preferisce proprio per non rendere l‘esperienza sgradevole e la stessa cosa vale naturalmente per i profumi.

Brand sul web e calcolo delle misure personali

Scegliere il marchio giusto è fondamentale ma più che marchio giusto è importante non affidarsi a marchi  sconosciuti e che non rispettano gli standard di protezione e sicurezza per la salute. Un buon preservativo deve poter essere resistente agli strappi e abbastanza elastico ma allo stesso tempo deve essere di materiale atossico e quindi di lattice di qualità o comunque di altro materiale ma comunque certificato come adatto.   I profilattici possono essere trovati in farmacia è vero ma anche su Amazon e sul web in generale. Una delle marche migliori e più conosciute per chi ama acquistare online, è la Pasante che realizza maxi confezioni con un ottimo rapporto fra qualità e prezzo. Anche la famosissima Durex realizza i suoi prodotti di ogni gusto e colore sia per le farmacie che per il web.  Altri brand meritevoli di citazione che possiamo trovare in internet sono la Hex di Lelo che realizza sia sex toys che condom  e sono tutti acquistabili a prezzi abbordabili e di ogni misura.

Alcuni brand offrono fra l’altro un servizio più specifico per andare incontro alle fuori taglie. Parliamo quindi del marchio Theyfit che offre la personalizzazione del preservativo in fatto di misure ed oltre 60 misure diverse di combinazione larghezza e lunghezza così da avere già una più ampia gamma di scelta. Lifestyles è un altro brand che che arriva anche a preservativi di 22 cm di lunghezza  e a 5,6 cm di circonferenza. Infine il marchio Mysize che sul web permette di calcolare le proprie misure e di decretare la propria taglia grazie ad un rapido calcolo. MySize è proprio specifico per supportare nella scelta delle taglie e lo fa grazie anche ad un app che si può scaricare sul proprio telefono cellulare.

Anna Silvestrini

Back to top
menu
profilatticionline.it